martedì 11 dicembre 2007

arriva l'uomo nero

quando ero piccolo mia nonna, quando lo riteneva opportuno, agitava lo spauracchio dell'"uomo nero". penso che all'epoca interpretavo bene le parole della nonna non pensando ad un uomo nero di pelle quanto ad un uomo vestito di nero.

oggi in tutti i centri commerciali, grandi magazzeni, fast food e negozi di prestigio invece c'è l'uomo nero nel senso della pelle. l'uomo della sicurezza: invariabilmente nero, e vestito di nero (io trovo la parola negro per nulla spregiativa, e sul punto posso addure infiniti argomenti, ma mi hanno fatto notare che siccome loro la trovano tale, non va usata).
evidentemente la pelle nera fa più paura all'uomo bianco.

resto tuttavia perplesso. chissà come si sentirebbe l'uomo medio di fronte al chirurgo nero, o al giudice nero. forse un poco a disagio. l'uomo nero che fa la guardia invece è rassicurante. come il cane nero.

sento una punta di razzismo in questa tendenza a piazzare il bravo negro che fa la faccia cattiva all'ingresso.


se fossi gesù cristo, che bianco e biondo non era, mi arrabbierei.

8 commenti:

dominicus ha detto...

nn dimenticare caro pim che al buon 'diversamente bianco' si da lavoro. ricordo ancora lo sfarzoso buffet presso la tenuta del professore naturopata laziale, il quale, veltroniano della prima ora (quando ancora non si ipotizzava il Servizio Rimpatrio Arcobaleno per i 'delinquenti' scannasignore romeni, ai tempi di cicciobello piaggio)discusse animatamente della piaga dei poveri immigrati costretti ad aggapparsi alle chiglie di arrugginiti pescherecci. tutto questo mentre quattro, dico quattro, filippini umpalumpa portavano vassoi di tartine al tavolo dei bianchi. ricorda pim, al 'diversamente bianco' per questo servizio e attraverso questo servizio, vengono riconosciuti preziosissimi chicchi di cacao. con calma (tutte le cose hanno dei tempi...), forse, se la situazione lo permetterà, nel momento in cui l'integrazione sarà priva di attriti, quando le contingenze internazionali muteranno il modo di vedere la chirurgia interna, nel momento in cui il personale paramedico accetterà uno -straniero- quale superiore, quando magari nelle generazioni il 'diversamente bianco' attraverso combinazioni e ricombinazioni sarà meno 'diversamente bianco, allora forse troverai un bravo -ghirurgo- anche nel paese più multietnico del mondo...

Anonimo ha detto...

ci vorranno secoli.

Diegone ha detto...

gli americani hanno cominciato con il cinema: per rendere più facile l'integrazione (e rendere più simpatico il bravo negro) hanno sempre mostrato l'uomonero che alla fine muore. poliziotto a fine carriera, padre premuroso, assistente intelligente, ecc.ecc.

pim ha detto...

dagli anni'80 il giudice e il capo della polizia. in tutti i film.

LUVAZ ha detto...

e che mi dite degli asiatici nei film o telefilm americani???
Anche qui,nel profondo sud, si notano da un pò di tempo i neri, alti grossi e in giacca e cravatta, fare lo sporco lavoro di controllare i taccheggiatori. forse fa tendenza, forse è come dici tu :è un buon deterrente perchè è nero, brutto (però non sporco perchè in giacca e cravatta ) e sicuramente fa male....se ti becca!

corsarobello ha detto...

Sicuramente il nero grosso intimorisce di più di un bianco grosso. Eppure a mio parere è più difficile individuare una "brutta faccia" nera piuttosto che una bianca. Forse perchè mi mancano i parametri di giudizio?

Infine a chi considera il nero terrorizzante consiglio di leggersi quanto dice il vecchio Melville sul colore bianco... e non si può dargli torto

Sig ha detto...

Voglio esordire il commento con una precisazione: chi l'ha detto che il cosiddetto "uomo medio" non sia, talvolta, anche lui nero di pelle?

Detto questo, inutile sottolineare come ogni linguaggio sia "culturalmente" connotato da significati sedimentati nel tempo, che rivelano molto di più del concetto preponderante: prendete la parola "destro" e la parola "sinistro" ed andate sul vocabolario a ricercare i rispettivi sinonimi...

Questo per dire che pure la parola "nero" rivela alla nostra coscienza molto di più di un banale colore...

pim ha detto...

sig, mi ero accorto della dimenticanza dell'aggettivo "bianco" dopo "uomo medio" :)

in inglese la parola "destro" è la stessa parola per "giusto, corretto, esatto".

demax, non ricordo melville sul bianco...mi rinfreschi?