martedì 6 novembre 2007

bad influence

curtis hanson è un buon regista. uno come tanti, in america. come non ce n’è nemmeno uno da noi (da noi ci sono gli autori). ha diretto, tra gli altri, cattive compagnie, scritto da david koepp, che è un bravo sceneggiatore.

la frase più bella del film è questa: "ehi, tony è un ragazzo eccezionale!".

tony, o meglio alex, è un criminale, ladro e assassino.
il barista che pronuncia la frase per difendere tony non lo sa, ovviamente, però è sicuro che il suo amico sia un ragazzo eccezionale.

koepp ha capito che il bello del mondo è proprio questo. che c’è sempre qualcuno disposto a giurare su sua madre che quello è "un ragazzo eccezionale".

anche io son già lì che mi sento un ragazzo eccezionale, solo per aver scritto questo post.

2 commenti:

lobotomica: ha detto...

mi sa che questo post ha a che fare con quello di prima.

pim ha detto...

uh, no. :O
almeno, non mi sembrava.