martedì 29 gennaio 2008

avanti!

a un certo punto, il mondo ha ritenuto giusto togliere la forza all’individuo e consegnarla alla collettività.
nel nostro mondo, a differenza di come accade tra gli animali, non sono i forti a comandare. non è più la forza a determinare le regole e le gerarchie. è la norma, sul cui terreno è stata trasferita la gestione degli istinti.
l’individuo frustrato, forzato, ha due scelte per sfogare questa repressione: l’ascesi o l’ossessione.

l’economia collettivista non è lontana dall’etica del cristianesimo. entrambe postulano l’uomo piegato a qualcosa di più alto. traguardi lontani ma un giorno raggiungibili. progetti.

l’abbattimento dell’uomo attraverso un consorzio costruito sulle pari opportunità crea inevitabili frizioni.
per evitare troppi danni (peraltro anch’essi inevitabili, come stragi, stupri, delitti in serie) la società crea un mondo parallelo, un mondo di idee: l’uomo nuovo, il suv.
per chi non si adegua a questo simulacro, resta la via di Dio. un'altra invenzione.

il rapporto di forza è la cifra del mondo animale. il mondo degli umani l’ha voluto sopprimere.
giusto, ho sempre pensato.

nelle società che chiamiamo primitive non esiste la famiglia. non c’è il problema dell’aborto perché i bimbi sono della comunità, che li accoglie nel suo seno e li cresce. quando si diventa grandi, se si è abbastanza forti da ammazzare il leone a mani nude, si sopravvive, altrimenti, no. comanda colui che ammazza più leoni, che ha più coraggio e più salute. la sera si mangia tutti insieme.

qui è diverso. qui non riteniamo giusto che un difetto fisico precluda grandi traguardi.
e i nostri figli vivono chiusi dentro case e sognano di acquistare qualcosa.

4 commenti:

Diegone ha detto...

eh, sì. il capotribù senza la fottuta tribù comunque non è nessuno. nelle società primitive la collettività ha il suo bel peso, i rapporti sono simili ai nostri, solamente che non ci sono intermediazioni sociali.
D'altronde quelle di cui parli tu sono sempre piccoli agglomerati, un migliaio di individui regolati da un comandante. in un certo modo militarizzati senza accorgersene.

pim ha detto...

quando la spazzatura arriva al terzo piano, chi chiami?

Anonimo ha detto...

Quando parli delle valvole di sfogo alla frustazione dimentichi il fenomeno ultras, il porno, la tamarraggine, l'anoressia, le arti marziali e qualche altro centinaio di possibili sfoghi...

pim ha detto...

ah bé, non c'è dubbio. la lista era assolutamente indicativa